Notiziario 92 - 2010

10 novembre 2010

30/4/2010 N.92

NOTIZIARIO del Circolo UAAR di Bologna



UAAR - Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti - www.uaar.it

Presidenti onorari:  Laura BALBO, Carlo FLAMIGNI, Margherita HACK, Danilo MAINARDI, Piergiorgio ODIFREDDI, Pietro OMODEO, Floriano PAPI, Valerio POCAR, Emilio ROSINI, Sergio STAINO




1) Domenica 2 maggio, Pontecchio: un libro UAAR alla biblioteca vivente

2) Lunedì 10 maggio, ore 21: riunione del circolo UAAR di Bologna

3) Campo estivo UAAR: prezzo speciale ai primi 12 partecipanti

4) Laicisti sì, integralisti niente affatto: risposta al commento del PD su manifestazione del 24 aprile

5) RU486: in Regione confermati i profili di assistenza, con ivg medica effettuabile in regime di day hospital

6) 5×1000 all&apsUAAR anche se non tenuti alla dichiarazione dei redditi

7) Testamento Biologico: Rete Laica e consiglieri regionali laici chiedono regolamento attuativo




1) Domenica 2 maggio, Pontecchio: un libro UAAR alla biblioteca vivente

Domenica 2 maggio, dalle ore 19 e per tutta la serata, il coordinatore regionale UAAR per l&apsEmilia Romagna Fernando Santagata sarà uno dei “libri” ospitatati alla Biblioteca Vivente della Festa dell’Unità del Parco del Chiù a Pontecchio (comune di Sasso Marconi).

Oltre ad un rappresentante della nostra associazione, gli organizzatori della Festa presentano come “libri” a disposizione del pubblico Sergio Lo Giudice (presidente onorario Arcigay), Amedea Zanarini (staffetta partigiana), Irvana Lucci (Gruppo di Acquisto Solidale di Casalecchio di Reno).



Nello spazio associazioni della Festa, il circolo UAAR di Bologna organizzerà dal tardo pomeriggio e per tutta la serata un tavolo informativo, nel quale si confronterà con i cittadini di Sasso Marconi riguardo allo schiaffo alla laicità e alla città di Sasso Marconi rappresentato dalla croce di acciaio di 30 metri eretta sulla Rupe.





2) Lunedì 10 maggio, ore 21: riunione del circolo UAAR di Bologna

La prossima riunione del circolo UAAR di Bologna si terrà lunedì 10 maggio, ore 21, in Via Ezio Cesarini 1 (suonare al campanello con indicazione "UAAR").

Oltre ai soci, più che benvenuti anche i simpatizzanti.

Tra i temi che saranno affrontati: serate conviviali, nuove attività, collaborazione con la Rete Laica, discussione e proposte per il IX Congresso UAAR.





3) Campo estivo UAAR: prezzo speciale ai primi 12 partecipanti

L&apsUAAR, in collaborazione con la cooperativa Le Orme, promuove la seconda edizione del suo campo estivo, con svolgimento in Maremma da domenica 18 a domenica 25 luglio 2010.

Riservato ai figli dei suoi soci, intende non solo fornire la possibilità di una bella vacanza con coetanei, ma anche di sviluppare il pensiero razionale, critico e creativo e la libera indagine sui grandi perché della vita.

Il campo è riservato a ragazze e ragazzi tra gli 11 e i 14 anni (saranno valutate richieste per bambini di 9/10 anni purché in compagnia del fratello o della sorella più grandi).

I ragazzi saranno seguiti da due educatori (uno ogni dieci ragazzi).

Il costo è di 435 euro a partecipante, per otto giorni / sette notti di vacanza.

Ma l&apsUAAR, per incentivare il progetto, mette a disposizione, solo per le prime 12 domande di partecipazione che perverranno, un contributo di 200 euro ciascuno, in modo che la quota a carico dei primi 12 soci che iscriveranno i figli sarà ridotta a 235 euro.

Per partecipare occorre compilare e inviare il modulo d&apsiscrizione.

Ulteriori informazioni e immagini sul sito dell&apsassociazione.





4) Laicisti sì, integralisti niente affatto: risposta al commento del PD su manifestazione del 24 aprile

Sabato 24 aprile 2010, il circolo UAAR di Bologna ha aderito e partecipato alla manifestazione in sostegno delle vittime della pedofilia in ambito ecclesiastico, in seguito alle dichiarazioni del segretario di Stato vaticano, card. Bertone, secondo il quale esisterebbe un legame tra pedofilia e omosessualità. La manifestazione era stata indetta da ArciGay, ArciLesbica, MIT e Rete Laica Bologna, rete della quale il circolo UAAR di Bologna è parte attiva assieme ad altre associazioni e confessioni religiose di minoranza.

«Apprendiamo con amarezza che il PD, tramite il suo responsabile della Comunicazione Pietro Aceto, ha qualificato come intollerante e laicista la manifestazione» ha dichiarato  il coordinatore del circolo UAAR di Bologna Roberto Grendene, presente alla manifestazione, che ha rispedito l’accusa di integralismo al mittente: «Il laicismo altro non è che l’affermazione della laicità concreta, non certo della laicità falsa che circola nel nostro Paese e si fonda sul Concordato, spacciata come “sana laicità”. L’integralismo si scorge invece in chi si stringe attorno ad una Chiesa che dovrebbe semplicemente essere trattata senza privilegi e immunità, criticata e posta di fronte alle proprie responsabilità senza timori reverenziali, privata degli enormi finanziamenti pubblici erogati sulla base di intenzioni e di un condizionamento sociale che opera fin dalla più tenera età. Dal partito di maggioranza nella nostra Regione, in particolare dagli esponenti che hanno dato prova di condividere la difesa delle istituzioni dal clericalismo, ci attendiamo considerazioni più equilibrate, pluraliste e non integraliste. A meno che anche il pluralismo non sia ritenuto disdicevole come si vogliono dipingere il laicismo, l’ateismo, l’agnosticismo.»

All&apsappello, diffuso come comunicato stampa, pubblicato sul nostro blog e sul blog nazionale UAAR, ha risposto Sergio Lo Giudice, presidente onorario Arcigay e capogruppo uscente del PD, dissociandosi dalle affermazioni del responsabile comunicazione del PD bolognese.

Si segnalano inoltre la foto di Franco Grillini, socio UAAR, con la bandiera dell’associazione prima della manifestazione e l&apsarticolo di BolognaTG24.it





5) RU486: in Regione confermati i profili di assistenza, con ivg medica effettuabile in regime di day hospital

Apprendiamo con favore della decisione della Regione Emilia Romagna di confermare i profili di assistenza previsti per l&apsRU486.

Come risulta dal sito della Regione, infatti, l&apsEmilia-Romagna «ribadisce la possibilità di effettuare l’Ivg medica in day hospital che, nell’esperienza di questi anni, ha dimostrato di garantire appieno la salute della donna. Così come ribadisce la possibilità, per la donna e il medico, di scegliere comunque il ricovero ordinario.»





6) 5×1000 all&apsUAAR anche se non tenuti alla dichiarazione dei redditi

Come previsto dalla Legge Finanziaria, i contribuenti ale prese con la dichiarazione dei redditi 2010 potranno destinare il proprio Cinque per mille all&apsUAAR, dando un inequivocabile segnale di svolta verso un paese più laico e più civile.

Nella dichiarazione dei redditi (CUD, 730, Unico) sarà sufficiente apporre la propria firma nel riquadro "Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale…", riportando il codice fiscale dell’UAAR (92051440284) nello spazio collocato subito sotto la firma.

I contribuenti non tenuti a presentare la dichiarazione, ma in possesso di un CUD con indicate ritenute al punto 5 parte B, possono firmare per Cinque per Mille e Otto per Mille.

Occorre compilare il modulo per tali scelte, metterlo in una busta chiusa con l&apsindicazione “SCELTA PER LA DESTINAZIONE DELL’OTTO E DEL CINQUE PER MILLE DELL’IRPEF” e con codice fiscale, cognome e nome del contribuente. La busta andrà consegnata ad un ufficio postale, che provvederà gratuitamente a trasmetterla all&apsAmministazione finanziaria.





7) Testamento Biologico: Rete Laica e consiglieri regionali laici chiedono regolamento attuativo

La Rete Laica Bologna ha chiesto ripetutamente un incontro al commissario di Bologna, Anna Maria Cancellieri, per rendere operativo il registro dei Testamenti Biologico approvato dal Consiglio Comunale di Bologna prima delle dimissioni del sindaco Delbono.

L&apsincontro è stato chiesto anche in una lettera firmata da consiglieri regionali che appartengono ai vari partiti della maggioranza: Gian Guido Naldi (Sel), Giovanni Favia (5 stelle), Franco Grillini (Idv), Antonio Mumolo (Pd) e Roberto Sconciaforni (Fed. Sin.).

Si attende a giorni la convocazione delle Rete Laica Bologna da parte del commissario.

Nel frattempo comunichiamo che anche nel comune di Castelmaggiore, grazie alla Rete Laica, è stato approvato il registro dei Testamenti Biologici (vedi annuncio del pdc di Castelmaggiore)




Ogni sabato mattina, dalle 10 alle 12, festivi esclusi, il circolo UAAR di Bologna riceve soci, simpatizzanti e cittadini che vogliano conoscere la nostra associazione e le nostre attività, esporre problemi di laicità violata, fare quattro chiacchiere sui nostri temi associativi, consultare il materiale a disposizione (riviste, libri, volantini, DVD…).

Ci trovate in via Don Minzoni 18, all&apsinterno della Salara, storico edificio nato nei pressi del porto fluviale di Bologna per conservare il sale che giungeva dal mare attraverso il canale Navile. La Salara è sede di ArciGay e ArciLesbica nazionali. E&aps gestita dal circolo gay Il Cassero, che ringraziamo per l&apsospitalità.

Per arrivare consultare la mappa http://www.cassero.it/map/

Negli orari di apertura, rispondiamo telefonicamente al numero: 051 0957215



Se non vuoi piu&aps ricevere questo notiziario, rispondi a questa mail indicandocelo.

Puoi liberamente inoltrarlo a chi ritieni possa essere interessato, che per riceverlo regolarmente dovrà farne richiesta a bologna@uaar.it





Circolo UAAR di Bologna

www.uaar.it/bologna   bologna@uaar.it

I commenti sono chiusi.