Home > enti locali, ospedali, varie > I dati della Regione dal 2010: 8,8 milioni alle diocesi per i sacerdoti in ospedale

I dati della Regione dal 2010: 8,8 milioni alle diocesi per i sacerdoti in ospedale

28 gennaio 2014

L’assessorato Politiche per la salute della Regione Emilia Romagna ha risposto oggi all’interrogazione di Franco Grillini (LibDem) presentata il 20 gennaio scorso, nella quale era stato chiesto alla Giunta «a quanto ammonti la spesa complessiva sostenuta dalle Aziende del Servizio sanitario regionale nell’arco temporale 2010-2013 per finanziare il servizio di assistenza religiosa».

ar_costi_2010_2013L’assessore Carlo Lusenti scrive nel documento presentato all’assemblea regionale che «la spesa complessiva regionale per l’assistenza religiosa sulla base dei bilanci presentati dalle Aziende sanitarie è :
al 31.12.2010 è di 2.207.000,00 euro
al 31.12.2011 è di 2.208.000,00 euro
al 31.12.2012 è di 2.208.000,00 euro
Per il 2013 la spesa è stata verificata sulla base del preconsuntivo, e quindi soggetta a variazione, ed è pari a 2.183.000,00 euro».

Nel periodo 2010-2013 è stato dunque necessario pagare alle diocesi 8.806.000 euro per fare sì che i sacerdoti cattolici svolgessero la loro azione pastorale all’interno degli ospedali dell’Emilia Romagna. Una media di oltre 2,2 milioni l’anno, che non tiene conto delle ulteriori spese che le Ausl sostengono per cappelle e sale riunioni gestite dagli assistenti religiosi cattolici, e delle spese per alloggi, pulizie, utenze e altri privilegi a loro riservati.

I proclami per una Chiesa povera si scontrano con una realtà ben diversa: nemmeno il conforto religioso agli ammalati cattolici è gratuito, ma pagato a caro prezzo da tutti i contribuenti.

enti locali, ospedali, varie ,

  1. Ascanio Bernardeschi
    28 gennaio 2014 a 16:12 | #1

    In Toscana la situazine è simile. Intanto la spesa sanitaria viene ridotta. Papa Francesco predica bene, ma razzola male. Leggo oggi sui quotidiani che i Vescovi italiani, insieme al Papa, scenderanno in piazza per chiedere più finanziamenti alle scuole cattoliche, mentre la scuola pubblica viene taglieggiata un giorno sì e l’altro pure.

  2. Laura Z.
    28 gennaio 2014 a 18:10 | #2

    Sono numeri esorbitanti, che mi lasciano davvero basita: insomma, con le mie tasse io - atea e anticlericale - pago per l’assistenza religiosa che in teoria i preti dovrebbero offrire gratuitamente. Vergogna.

I commenti sono chiusi.