Archivio

Archivio per la categoria ‘dibattiti’

“Sul fondamentalismo religioso”: dibattito UAAR con esponenti religiosi

2 settembre 2011
Comments Off

Domenica 4 settembre, ore 19, presso lo Space Giovani della Festa Nazionale PSI (area tra viale Togliatti e viale Salvemini)
il Circolo UAAR di Bologna organizza:
“SUL FONDAMENTALISMO RELIGIOSO
dibattito con
Guido Armellini, presidente Chiesa Metodista di Bologna e Modena
Roberto Grendene, responsabile nazionale Campagne e Eventi dell’ Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti
Daniele Nahum, vice Presidente della Comunità Ebraica di Milano
Giulio Soravia, direttore Centro Interdipartimentale di scienze dell’Islam dell’Università di Bologna
moderatore: Andrea Billau, Radio radicale.

Ricordiamo inoltre che presso lo Space Giovani della Festa Nazionale del PSI, dal 3 all’11 settembre, sarà presente un info point UAAR a cura del nostro circolo.

dibattiti , ,

Dibattito sul XX Settembre alla Festa dell’Unità

8 settembre 2010
Comments Off

Sabato 11 settembre, ore 22, presso l’“Esaforum/Piazza delle Associazioni” della Festa dell’Unità di Bologna (Parco Nord) il circolo UAAR di Bologna organizza l’incontro:

XX Settembre
laicità incompiuta e voglie di revisionismo
a 140 anni dalla vera unità d’Italia

Partecipano:
l’onorevole Franco Grillini, consigliere regionale Emilia Romagna, presidente onorario Arcigay
Maurizio Cecconi, portavoce Rete Laica Bologna
Sergio Ribet, pastore della Chiesa Metodista Valdese di Bologna
Roberto Grendene, coordinatore del circolo UAAR di Bologna

Promuovi l’evento su facebook: http://www.facebook.com/event.php?eid=152571931427508

20-settembre

dibattiti , , ,

Dibattito sul testamento biologico alla Festa dell’Unità

27 agosto 2010
Comments Off

Sabato 28 agosto, alle 20:15, nella “Piazza delle Associazioni” della Festa
dell’Unità di Bologna (Parco Nord) il circolo UAAR di Bologna organizza l’incontro:

Testamento Biologico - Liberi di scegliere

Partecipano:
Carlo Flamigni, presidente onorario UAAR, membro del Comitato Nazionale
per la Bioetica
Corrado Melega, presidente Commissione Regionale Percorso Nascita,
consigliere comunale a Bologna fino a gennaio 2010
Katia Zanotti, già parlamentare per due legislature, Rete Laica Bologna
Rino Tripodi, direttore responsabile di Lucidamente, rivista di cultura
ed etica civile

introduce e modera:  Stefano Rosanelli, circolo UAAR di Bologna

dibattiti , ,

Pontecchio: un libro UAAR alla biblioteca vivente

30 aprile 2010
Comments Off

Domenica 2 maggio, dalle ore 19 e per tutta la serata, il coordinatore regionale UAAR per l’Emilia Romagna Fernando Santagata sarà uno dei “libri” ospitatati alla Biblioteca Vivente della Festa dell’Unità del Parco del Chiù a Pontecchio (comune di Sasso Marconi).
Oltre ad un rappresentante della nostra associazione, gli organizzatori della Festa presentano come “libri” a disposizione del pubblico Sergio Lo Giudice (presidente onorario Arcigay), Amedea Zanarini (staffetta partigiana), Irvana Lucci (Gruppo di Acquisto Solidale di Casalecchio di Reno).

Nello spazio associazioni della Festa, il circolo UAAR di Bologna organizzerà dal tardo pomeriggio e per tutta la serata un tavolo informativo, nel quale si confronterà con i cittadini di Sasso Marconi riguardo allo schiaffo alla laicità e alla città di Sasso rappresentanto dalla croce di acciaio di 30 metri eretta sulla Rupe.

banchetti, dibattiti , , ,

Simboli religiosi nei luoghi pubblici? Giovedì 22 aprile

18 aprile 2010
Comments Off

SIMBOLI RELIGIOSI NEI LUOGHI PUBBLICI?
Conferenza/dibattito - Giovedì 22 Aprile 2010, ore 20,30

Presso la Sinagoga della Comunita ebraica, Via Gombruti, 9 Bologna [vedi mappa]

Saluto di
Guido Ottolenghi, presidente della Comunità ebraica di Bologna

Interventi di
Alberto Sermoneta, rabbino capo Comunità ebraica di Bologna
Don Stefano Ottani, biblista
Sergio Ribet, pastore valdese
Roberto Grendene, Rete Laica Bologna - UAAR Bologna

Incontro promosso e organizzato da
Comunità ebraica di Bologna
Chiesa evangelica metodista di Bologna e Modena

conferenze, dibattiti

Domande laiche ai candidati alle regionali

12 marzo 2010

A tutti i candidati alle prossime elezioni regionali i circoli UAAR dell’Emilia Romagna sottopongono le seguenti tre domande.
Analogamente a quanto fatto per le elezioni comunali del 2009 pubblicheremo sul nostro sito tutte le risposte che riceveremo.
Le stesse domande saranno poste all’incontro VOTA GARANTITO, VOTA LAICO in programma lunedi 15 marzo alle 21.00 presso la Sala Consiliare del Quartiere Porto, via dello Scalo 21 -
http://retelaicabologna.wordpress.com/2010/02/17/emilia-romagna-elezioni-2010-vota-garantito-vota-laico/ - organizzato da Rete Laica Bologna [evento su facebook http://www.facebook.com/event.php?eid=351615966037]

1) Finanziamenti pubblici dell’edilizia di culto
Nel 1977 la legge “Bucalossi” [1] stabisce che una fetta degli oneri di urbanizzazione secondaria sia destinata all’edilizia di culto [2].
Alle regioni spetta il compito di dare indicazioni ai comuni, che a loro volta possono deliberare diversamente. La Regione Emilia Romagna, con Delibera di Consiglio 849/1998, fissa nel 7% la fetta di oneri di urbanizzazione secondaria da destinare all’edilizia di culto.
Stessa percentuale che e’ destinata alla voce “i centri civici e sociali, le attrezzature culturali e sanitarie”, mentre il 10% tocca alla voce “gli asili nido e le scuole materne”.  Il risultato è che la Chiesa Cattolica Romana, che secondo una recente indagine di Repubblica possiede a Bologna una “città nella città”, è finanziata con fondi pubblici, mentre scuole, asili, attrezzature culturali e sanitarie, parcheggi, spazi pubblici a parco e per lo sport (le altre voci finanziate con gli oneri di urbanizzazione secondaria) necessitano di importanti investimenti.
Vorrà interrompere il finanziamento pubblico al più grande immobiliarista in circolazione determinato dagli oneri di urbanizzazione secondaria per edilizia di culto?

2) Tutelare la salute e l’autodeterminazione delle donne
L’obiezione di coscienza in materia di interruzione volontaria di gravidanza doveva essere un diritto temporaneo a tutela di chi aveva intrapreso la carriera di medico ginecologo prima della legalizzazione dell’aborto. A più di 30 anni di distanza essa permane ancora, trasformata da diritto per i medici a strumento che lede la salute delle donne.
Ci sono comuni e ASL che, per “migliorare” il percorso dell’IVG, stilano protocolli [3] che prevedono che associazioni del “privato sociale” (in pratica cattoliche) abbiano ruolo sostitutivo di quello della struttura pubblica, con collaborazioni da parte di assistenti sociali e strutture ospedaliere con questo “privato sociale”.
Non abbiamo invece notizie di campagne informative efficaci sulla contraccezione nelle scuole e sulla contraccezione di emergenza (”pillola del giorno dopo”); non abbiamo nemmeno notizie sull’impegno della Regione Emilia Romagna per garantire la possibilità di ricorrere all’IVG per via non chirurgica.
Terrà lontano da consultori e ospedali quanto viene spacciato per “sussidiarietà”? Sosterrà campagne informative sulla contraccezione nelle scuole? Renderà rispettoso della donna il ricorso all’IVG, adoperandosi per il rapido accesso alla contraccezione post-coitale (pillola del giorno dopo) e prevedendo la possibilità di ricorrere  volontariamente alla RU-486, allontanando il tintinnio dei ferri (del chirurgo, ma anche, nel terzo millennio, di quelli dal calza)?

3) Privilegi clericali nelle politiche delle nuove generazioni
La legge regionale 28 luglio 2008, n.14 [4], prevede all’art. 14 c.3 di riconoscere e incentivare “la funzione educativa e sociale svolta, mediante le attività di oratorio o similari, dalle parrocchie e dagli enti ecclesiastici della Chiesa cattolica, nonché dalle altre confessioni religiose con le quali lo Stato ha stipulato un’intesa ai sensi dell’articolo 8, terzo comma, della Costituzione”.
Specifici riconoscimenti e incentivi per qualcuno (Chiesa Cattolica, guarda caso) sono ovviamente discriminatori per altri soggetti pubblici e privati che volessero partecipare all’oggetto dell’art. 14 della citata legge, ossia all’”offerta territoriale per il tempo libero e opportunità educative”.
Rimuoverà ogni privilegio riservato a oratori e parrocchie nel campo dei servizi educativi? Farà in modo che siano privilegiate invece le associazioni democratiche e che siano escluse da riconoscimenti e incentivi organizzazioni che ritengono “disordinati” gli orientamenti non eterosessuali? Farà in modo che siano tassativamente escluse da riconoscimenti e incentivi organizzazioni che hanno dimostrato di essere collegate a occultamenti di casi di pedofilia?

NOTE

  1. Legge n. 10/1977, Norme per la edificabilità dei suoli. La materia è oggi regolata dal decreto legislativo 6 giugno 2001, n. 380, contenente il testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia.
  2. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 3, 2 comma lett. b) del decreto del Ministro dei Lavori Pubblici 2 aprile 1968, sono attrezzature di interesse comune di tipo religioso: a) gli immobili destinati al culto anche se articolati in più edifici; b) gli immobili destinati all’abitazione dei Ministri di Culto; c) gli immobili adibiti, nell’esercizio del ministero pastorale, ad attività educative, culturali, sociali e ricreative, che non abbiano fini di lucro.
  3. “PROTOCOLLO OPERATIVO PER IL MIGLIORAMENTO DEL PERCORSO IVG” a cura di: AUSL di Forlì, Comune di Forlì, Assessorato alle Politiche Sociali, Consulta delle Famiglie del Comune di Forlì - http://uaarbologna.altervista.org/doc/protocollo_IVG_Forli.doc
  4. NORME IN MATERIA DI POLITICHE PER LE GIOVANI GENERAZIONI” - http://demetra.regione.emilia-romagna.it/al/monitor.php?vi=nor&dl=leggiV/2008/lr-er-2008-14&dl_t=text/xml&dl_a=y&dl_id=leggiV&pr=idx,0;artic,1;articparziale,0

comunicati, dibattiti , , , ,

Darwin Day: giovedi 18 Tadolini, Bonaga e Grillini all’Ambasciatori

15 febbraio 2010
Comments Off

Giovedì 18 febbraio, alle ore 21.00, presso librerie.coop Ambasciatori (via Orefici 19, mappa) il Circolo UAAR di Bologna presenta:

Darwin Day – Una giornata per la scienza

Stefano Bonaga, filosofo, università di Bologna
Bruna Tadolini, biochimica, università di Sassari
dialogheranno con l’on. Franco Grillini, partendo da “scienza, politica, religione” e “evoluzione degli uccelli e disegno intelligente”
Introduce Roberto Grendene, coordinatore del Circolo UAAR di Bologna.

Scarica e diffondi il volantino.

conferenze, dibattiti , , ,

Un “laico natale”: incontro a San Giorgio di Piano

15 dicembre 2009

Venerdì 18 dicembre 2009, ore 21,00 a San Giorgio di Piano (BO) presso la Sala Trenti in via Garibaldi 10, incontro organizzato dalla Sinistra SanGiorgese:

UN LAICO NATALE

dalla sentenza sul crocefisso ai finanziamenti alle scuole private, dall’ora di religione ai diritti civili. Una serena riflessione sul ruolo della religione nel nostro paese.  Partecipano:

  • Franco Grillini, fondatore Arcigay, responsabile diritti civili IdV
  • Roberto Grendene, UAAR
  • Bruno Moretto, Scuola e Costituzione

Un laico natale - San Giorgio di Piano

dibattiti , , ,

Convocazione in Commissione Consiliare per biotestamento

18 novembre 2009
Comments Off

Mercoledi 18 novembre alle ore 14:30 in Sala Bianca del Comune di Bologna (primo piano di Palazzo D’Accursio) è stata convocata la Rete Laica dalle commissioni consiliari 1^ e 5^ per un’audizione sulla proposta di delibera popolare per un registro comunale dei testamenti biologici.

Ad affiancare il portavoce della Rete Laica, Maurizio Cecconi, ci sarà Roberto Grendene, coordinatore del circolo UAAR di Bologna.

Per i dettagli della convocazione si legga qui:

http://retelaicabologna.wordpress.com/2009/11/17/rete-laica-bologna-presenta-il-registro-dei-biotestamenti-al-consiglio-comunale/

Invitiamo tutti quelli che possono partecipare ad essere presenti.

dibattiti , ,

UAAR a Radio Città Fujiko

5 novembre 2009

Venerdì 6 novembre, dalle ore 12:15 alle ore 13, all’interno del programma “Antipasto” curato da Alessandro Canella, Radio Città Fujiko ospiterà Roberto Grendene, coordinatore del circolo UAAR di Bologna.

Si parlerà del «no» ai crocifissi in classe, arrivato dalla Corte Europea dei diritti dell’uomo, che si è pronunciata sul ricorso di una cittadina italiana,  socia Uaar e per la quale l’UAAR  ha promosso, sostenuto e curato tecnicamente l’iter giuridico ( Tar del Veneto, Corte Costituzionale, Consiglio di Stato ed infine Corte Europea)

Ma si parlerà anche di altre campagne UAAR: Testamento Biologico: Liberi di scegliere, promossa all’interno della Rete Laica Bologna, il progetto oraalternativa, la campagna oneri, la campagna Occhiopermille

dibattiti, radio-tv