Arrivano i manifesti Uaar “Testa o croce?”. Quando scegli ginecologo e medico di base, non affidarti al caso!

8 gennaio 2019

Con lo slogan Testa o croce? Non affidarti al caso! arrivano a Bologna e Imola i manifesti della nuova campagna con la quale l’Uaar comunica un concetto importante: quando scegli ginecologo e medico di base, non affidarti a caso!

In materia di salute diamo infatti molte scelte per scontate. Se in alcuni casi ciò non comporta particolari conseguenze, lo stesso non si può dire per altri, come per la scelta del proprio ginecologo o del proprio medico di base.

Gli ospedali sono purtroppo pieni di ginecologi obiettori, che limitano i diritti delle donne. Non sono infrequenti i casi in cui ostacolano l’intenzione di interrompere una gravidanza, o decidono di non sottoporre la gestante a diagnosi che possano condurre alla decisione di non far nascere un bimbo già condannato per tutta la vita a una malattia invalidante. In casi come questo avere un ginecologo di fiducia del quale sono note le opinioni su tali questioni è fondamentale.

Lo stesso dicasi per la scelta del medico di base. Un medico che considera la vita un bene indisponibile, che appartiene a Dio, potrebbe non tenere conto delle nostre volontà se non siamo in condizione di esprimerle. E anche se fossimo in condizione di esprimerle potrebbe curarci secondo le proprie convinzioni morali e lasciarci soffrire inutilmente.

Per questo l’Uaar invita tutte e tutti a far luce su questi aspetti. Prima che sia troppo tardi.
Rassegna stampa:

via Caravaggio, Bologna

via Caravaggio, Bologna



Bologna, via Risorgimento

Bologna, via Risorgimento


Casalecchio, via Porrettana

Casalecchio, via Porrettana

Imola

Imola

Bologna (via Giardini)

Bologna (via Giardini)

Bologna (largo Lercaro)

Bologna (largo Lercaro)

comunicati , , ,

La Regione si fermi: no alla tassa di religione a carico dei comuni!

9 dicembre 2018

La Regione Emilia Romagna sta discutendo gli ultimi dettagli sulla tassa di religione a carico dei comuni, nota in burocratese come “oneri di urbanizzazione secondaria per edilizia di culto”.

Nella seduta dell’assemblea regionale dello scorso 28 novembre la maggioranza (Pd) ha presentato un po’ a sorpresa un testo di delibera affinché i Comuni possano elargire senza limiti ancora piu’ denaro pubblico a favore delle confessioni religiose, dietro presentazione di una nota spese delle parrocchie e addirittura includendo edifici di proprietà religiosa come edifici per “attività culturali, ricreative e sportive”.

La delibera, probabilmente non condivisa nemmeno all’interno della maggioranza, è stata poi ritirata, ma da indiscrezioni sarà riproposta nella prossima seduta dell’assemblea legislativa regionale.

Il coordinatore regionale UAAR Roberto Vuilleumier fa appello a tutti i consiglieri dell’Emilia Romagna affinché questa tassa di religione non gravi sui bilanci del comuni della nostra regione, ricordando che sulla questione c’è un esposto UAAR pendente alla Corte dei Conti e in considerazione del parere dell’Ufficio legale della stessa Regione:

[...] appare necessario considerare il principio, radicato nell’ordinamento, in virtù del quale le opere di urbanizzazione sono, in linea naturale, opere pubbliche rientranti, o destinate a rientrare, nel patrimonio del Comune” e che “come per tutte le opere pubbliche, tale principio risponde alla logica secondo la quale la proprietà pubblica delle opere costituisce la più piena e duratura garanzia della loro effettiva destinazione a finalità di interesse generale.
Qualora il Comune, nell’ambito della propria autonomia, ritenga di destinare una quota dei proventi degli oneri di urbanizzazione (o altri fondi pubblici) alla realizzazione di opere di urbanizzazione riguardanti il culto, dovrebbe farlo in riferimento ad edifici e spazi di proprietà dello stesso Comune, assegnati o gestiti direttamente, secondo quanto ritenuto più adeguato al contesto sociale locale ed alla relativa evoluzione, in modo da soddisfare l’interesse di tutte le diverse comunità e persone che nella realtà locale possano aspirare all’esercizio di pratiche di carattere spirituale in ambienti dedicati.

L’auspicio è che nella delibera sia invece resa ancora più manifesta la possibilità di azzerare tale esborso di denaro pubblico a favore delle religioni, che andebbe a impoverire il patrimonio pubblico e ad arricchire ulteriormente il patrimonio privato, in particolar modo della Chiesa Cattolica, che già beneficia dell’8×1000 e di 6 miliardi di fondi pubblici l’anno. Si avrebbero così fondi pubblici da destinare a strutture di proprietà pubblica, come asili nido, scuole, strade.

porcata_7_per_cento

enti locali ,

Open Day Uaar @ Cassero | sabato 15 dic

8 dicembre 2018

Sabato 15 dicembre 2018, dalle 11 alle 14
al Cassero LGBTI Center (piano -1)

OPEN DAY del Circolo UAAR di Bologna

Potrai trovare gadget, magliette Uaar e libri Nessun Dogma per regali… da non credere :) .
Al Punto iscrizioni Uaar potrai aderire all’associazione per il 2019 (anche online).
Saranno attivi i servizi dello sportello SosLaicità: dallo Sbattezzo Point all’assistenza per genitori che vogliono esercitare il diritto di non far subire ai propri figli l’insegnamento della religione cattolica o atti di culto a scuola.

Passaci a trovare e porta persone.
L’ingresso è libero e gli attivisti Uaar Bologna saranno lieti di offrirti qualcosa da bere e da mettere sotto i denti!

Invita e condividi: evento facebook

Open Day Uaar Bologna 2018

meeting ,

Diritti a testa alta | Fiaccolata per i Diritti umani @piazza Nettuno 10dic

7 dicembre 2018

Il circolo UAAR di Bologna sarà presente alla fiaccolata organizzata da Amnesty International per il 70° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani. Unitevi al nostro gruppo sotto lo striscione: “Il paradiso può attendere. I nostri diritti no!”.

L’appuntamento è per lunedì 10 dicembre, dalle 18.30 alle 20:30 in piazza del Nettuno.
Vedi evento facebook

Dichiarazione Universale dei Diritti Umani:
Art. 18: «Ogni individuo ha diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione; tale diritto include la libertà di cambiare religione o credo…». L’ONU ha chiarito che l’art.18 «protegge le convinzioni non-teistiche e atee» e «include il diritto di sostituire la propria fede o convinzione con un’altra o di adottare punti di vista atei».
Art. 19: «Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione…»
Art. 20: «Nessuno può essere costretto a far parte di un’associazione»

Il paradiso può attendere, i nostri diritti no!

manifestazioni ,

“Piccola Biblioteca della Curiosità”, il dono dell’UAAR ai bambini del Gozzadini

8 novembre 2018

Piccola biblioteca della curiosità per il GozzadiniSabato 10 novembre, alle ore 11.00, presso il primo piano del padiglione 13 dell’Ospedale Sant’Orsola Malpighi, via Albertoni 15, il circolo UAAR di Bologna donerà ai bambini della Clinica Pediatrica Gozzadini la “Piccola biblioteca della Curiosità”.

Il nostro circolo ha deciso di impiegare così la somma ricevuta come donazione da un nostro socio, selezionando una collezione di libri tanto divertenti quanto intellettualmente stimolanti.

La collezione che andrà ad arricchire gli scaffali della biblioteca del Sant’Orsola è composta da storie e racconti fiabeschi, libri a tema scientifico (dalle storie di vita di scienziati e scienziate alla geografia alla matematica), libri che trattano la diversità sotto più punti di vista, libri sulle curiosità del mondo, libri per un’educazione e per una coscienza critica.

Vi aspettiamo numerosi e numerose all’evento, invitando a promuoverlo all’interno della vostra cerchia di conoscenze!
Questo l’evento facecebook.

Piccola biblioteca della curiositàDi seguito l’elenco, non ancora completo, dei libri che comporranno la “Piccola biblioteca della Curiosità”:

  • Darwin e la vera storia dei dinosauri
  • Einstein e la macchina del tempo
  • Tutti in festa con pi greco
  • Marie Curie e i segreti atomici svelati
  • Edison, come inventare di tutto e di più
  • Darwin, rivoluzionario della scienza
  • Il bambino che inventò lo zero
  • Il grande grosso libro del corpo
  • Forse sì, forse no
  • Il grande grosso libro delle famiglie
  • La principessa salvata dai libri
  • Lisette e la scoperta dei dinosauri
  • Mi piace Spiderman…e allora?
  • Mi scusi per trovare Dio? Domandò il piccolo maialino
  • Sono stato io! Una Costituzione pensata dai bambini
  • Stretta la foglia, larga la via. Tutte le fiabe
  • Susan la piratessa
  • Cantalamappa. Atlante bizzarro dei luoghi e storie curiose
  • Il ritorno di Cantalamappa
  • Cose dell’altro secolo, i grandi avvenimenti del Novecento.
  • Leonardo e la penna che disegna il futuro
  • Tesla e la macchina a energia cosmica
  • Newton e la formula dell’antigravità
  • Archimede e le sue macchine da guerra
  • Mendel e l’invasione degli OGM
  • Loren e il segreto di re Salomone
  • Magellano e l’oceano che non c’era
  • Wegener. L’uomo che muoveva i continenti
  • Volta e l’anima dei robot
  • Ippocrate. Medico in prima linea
  • Galileo e la prima guerra stellare
  • Piccolo uovo. Nessuno è perfetto
  • Perché hai due mamme?
  • C’è qualcosa di più noioso che essere una principessa rosa?
  • Leggere senza stereotipici. Percorsi educativi per bambini 0-6 anni per figurarsi il futuro
  • I fratelli Lumière e la straordinaria invenzione del cinema
  • Storia di Giulia, che aveva un’ombra da bambino
  • I magnifici dieci. L’avventura di un bambino nella matematica

comunicati, ospedali ,

“Contro la religione”, H.P. Lovecraft @ Confraternita dell’uva | ven 3 nov

22 ottobre 2018

SABATO 3 NOVEMBRE, ore 19:00 - La confraternita dell’uva // Libreria - Cafè - Wine Bar
in via Cartoleria 20/b,  presentazione del libro

CONTRO LA RELIGIONE

di H.P. Lovecraft, edizioni Nessun Dogma

Il traduttore dell’opera, Guido Negretti, ne parlerà con Andrea Ruggeri, coordinatore del Circolo Uaar di Bologna.

Il libro è la traduzione degli scritti, pubblici e privati, in cui lo scrittore statunitense H.P. Lovecraft si è interrogato sulla funzione della religione, sul suo rapporto con la scienza, sulla realtà e l’indifferenza del cosmo, sulle ragioni della sua scelta atea. Non senza avanzare tesi a volte estremiste, a volte superate, a volte incredibilmente attuali. Questa traduzione colma un grande vuoto e sarà senz’altro apprezzata da tutti coloro che hanno amato i romanzi e i racconti del grande scrittore.

Evento facebook
NB: l’evento, originariamente programmato per il 26 ottobre, è stato spostato al 3 novembre causa sciopero treni

lovecraft_20181103

cultura, presentazioni ,

La Crociata anti-gender, dal Vaticano alla Manif pour tous

22 settembre 2018

Sabato 22 settembre 2018, alle ore 17, Giardino Lorusso in via Lodovico Berti 2/7 Bologna [mappa], all’interno della tre giorni Some Prefer Cake 2018 - Bologna Lesbian Film Festival, Libreria delle donne di Bologna, rete Attraverso lo specchio e Circolo UAAR di Bologna invitano alla presentazione del libro:

LA CROCIATA “ANTI-GENDER”. DAL VATICANO ALLE MANIF POUR TOUS
di Sara Garbagnoli e Massimo Prearo

Dialogheranno con l’autrice e l’autore Cristina Gamberi (il progetto Alice/ Attraverso lo specchio) e Andrea Ruggeri (Circolo Uaar di Bologna).

Che cos’è “la teoria del gender”? Il libro propone un’analisi della crociata reazionaria lanciata dal Vaticano contro il concetto di genere e dei movimenti di protesta che l’hanno incarnata. Queste mobilitazioni sono state organizzate, a partire dall’inizio degli anni 2010, in numerosi Paesi europei, da un fronte che riunisce gruppi anti-abortisti, tradizionalisti, membri dei movimenti ecclesiali e gruppi neofascisti. Concentrandosi in particolare sulla situazione italiana e francese, il libro studia la genesi del discorso “anti-gender” e ricostruisce le tappe delle manifestazioni (conferenze, veglie, Family Day) che ne hanno fatto una causa militante, per comprendere le ragioni del successo epistemologico e politico dell’“ideologia gender”.

Evento Facebook


cultura, presentazioni, varie

Brindiamo per il XX Settembre!

22 settembre 2018

Il Circolo UAAR Bologna insieme agli amici della Chiesa Pastafariana Italiana di Bologna brinda alla vittoria contro lo Stato Vaticano e la (supposta, sigh) fine del potere della Chiesa Cattolica sullo Stato Italiano.
Buon XX Settembre!

Giovedì 20 settembre 2018, dalle ore 20:00 alle 23:00, Old Bridge Pub, via Emilia Levante 27.
Evento Facebook
20set_bo_2018

meeting, varie ,

Uaar with Pride! Tutt* al corteo di sabato 7 luglio

5 luglio 2018

Il Circolo Uaar di Bologna, assieme alle altre associazioni del Comitato Bologna Pride, invita tutt* sabato 7 luglio alla manifestazione e al corteo finale del BOLOGNA PRIDE 2018.

Concentramento dalle ore 15 ai Giardini Margherita, piazzale Jacchia, vicino all’ingresso da Porta Santo Stefano.

Cercate le bandiere Uaar, manifestate con i colori della nostra associazione, indossate e distribuite i nuovi gadget Uaar with Pride!

Il corteo partirà alle ore 16.30 e percorrerà via Santo Stefano, via Farini, via Castiglione fin sotto le Torri, via San Vitale, Piazza Aldrovandi, Strada Maggiore fino alla porta, viale Carducci, via Dante, nuovamente via Santo Stefano per tornare ai Giardini Margherita.

Il circolo UAAR Bologna sarà presente con il banner e le bandiere UAAR, insieme ai circoli di Ravenna e di Modena. Sfileremo insieme accanto alle bandiere di BProud.

Vi attendiamo tutt* al Pride!

Documento Politico Bologna Pride 2018

uaar-with-pride-1-fs8

manifestazioni, varie , , ,

Come se Dio fosse Antani @ RitmoLento - 15 giugno 2018

24 giugno 2018

Venerdì 15 giugno 2018, alle ore 19.30, il Circolo Uaar di Bologna ed il circolo Arci Ritmo Lento hanno ospitato la presentazione del libro:

gaetani-cover

COME SE DIO FOSSE ANTANI
Ateismo e filosofia senza supercazzole

Nessun Dogma, 2018

Un libro di Giovanni Gaetani (*)
Circolo Arci RitmoLento
via San Carlo 12/A Bologna
scheda libro

La filosofia è noiosa, ripetono gli studenti costretti a studiarla. Per molti di loro la filosofia è un insieme di risposte incomprensibili a domande incomprensibili, teologia che cerca di darsi un tono, roba da intellettuali insomma. Lo sappiamo tutti, anche se non abbiamo il coraggio di ammetterlo: quegli studenti hanno ragione.

È per loro, e per tutti coloro che la pensano come loro, che Giovanni Gaetani ha scritto questo libro. Vuole convincerli che la filosofia può essere piacevole, ironica, a tratti addirittura divertente, e che può aiutarci a guardare il mondo senza ricorrere a Dio, in maniera disincantata ma non per questo meno entusiasta e appassionata.

Come se Dio fosse antani è un percorso in cinque tappe intorno ai temi prediletti dal­l’ateismo filosofico, dall’inesistenza di dio all’etica umanista. Ed è scritto in modo chiaro e “commestibile”, senza supercazzole, perché l’autore ha cercato di mettersi in tutto e per tutto dalla parte del lettore. Anche chi odia la filosofia dovrà rivedere le proprie convinzioni. Provare per (non) credere.

(*) GIOVANNI GAETANI (1988) lavora a Londra per l’International Humanist and Ethical Union, ONG che difende i diritti dei non-credenti e promuove la visione umanista nel mondo. Dottore di ricerca in filosofia con una tesi su Albert Camus, nel 2013 la sua tesi magistrale ha vinto il premio di laurea UAAR, di cui fa anche attivamente parte.

conferenze, cultura, notizie , , , ,