Archivio

Posts Tagged ‘omofobia’

Pride Libera Tutt*! @ Cavaticcio -> Due Torri | sab 25 giu

21 giugno 2016

Il Circolo Uaar di Bologna, assieme alle altre associazioni del comitato organizzatore, invita tutt* al corteo del BOLOGNA PRIDE 2016 in programma sabato 25 giugno. Il motto di quest’anno è Pride Libera Tutt*!

Appuntamento dalle ore 15 al Parco del Cavaticcio. Se volete manifestare sotto i colori della nostra associazione, cercate le bandiere Uaar!

Prosegui la lettura…

manifestazioni , , ,

Tutt* al PRIDE! @ Parco Cavaticcio -> Piazza Nettuno | sab 27 giugno

25 giugno 2015

Il Circolo Uaar di Bologna, assieme alle altre 13 associazioni del comitato organizzatore , invita tutt* alla manifestazione e al corteo finale del BOLOGNA PRIDE 2015 di sabato 27 giugno.

Appuntamento dalle ore 14:30 al Parco del Cavaticcio, con desk delle associazioni, dj set & entertainment. E se volete manifestare sotto i colori della nostra associazione, cercate le bandiere Uaar!
Prosegui la lettura…

manifestazioni , , ,

Convegno “Che genere di scuola?” @ Quartiere Porto | ven 22 maggio

17 maggio 2015

Circolo Uaar di Bologna, Cassero LGBT Center e Famiglie Arcobaleno invitano al convegno

CHE GENERE DI SCUOLA?
Spunti per un modo diverso di pensare la scuola
Venerdì 22 maggio 2015, ore 18
Sala Consiliare Quartiere Porto, via dello Scalo, 21 - Bologna

per parlare di cosa sono davvero gli studi sul genere, di bullismo omofobico tra i banchi, di quando la scuola discrimina su base religiosa e nega il diritto all’istruzione, di scuola pubblica e privata.Convegno CHE GENERE DI SCUOLA?

Intervengono:

Chiara Cretella, Centro Studi sul Genere e l’Educazione, Università di Bologna - Dipartimento di Scienze dell’Educazione
“Gli studi di genere. Breve storia di un dibattito”

Ezio De Gesu, Gruppo Scuola Il Cassero:
“Il Cassero a scuola”

Roberto Grendene, Responsabile Campagne Uaar:
“La cattiva scuola: quando i diritti all’istruzione e alla libertà religiosa sono negati”

Ilaria Lapadre, Unione degli Studenti:
“Scuola pubblica, individualità private”

Ingresso libero.

Per le bambine e i bambini, laboratorio a cura di Famiglie Arcobaleno all’interno del progetto “Tante storie tutte bellissime”.
Il convegno fa parte degli eventi di Bologna è Pride e ha il patrocinio del Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’UUniversità di Bologna.
Aderiscono: Scuola e Costituzione, GDL Assemblea delle scuole, Rete Laica Bologna.

Evento facebook

cultura, scuola , , ,

Tutt* al Bologna Pride 2014!

28 giugno 2014

Il circolo Uaar di Bologna aderisce al Bologna Pride 2014, in programma oggi sabato 28 giugno, per rivendicare «diritti, uguaglianza, laicità, autodeterminazione delle persone LGBTQI» (vedi piattaforma Onda Pride 2014).

Raggiungeteci per manifestare sotto i colori della nostra associazione!
Appuntamento alle ore 16 al giardino del Cavaticcio, nel punto in cui vedrete sventolare le bandiere giallo-nere dell’Uaar.
Il corteo si muoverà alle 16:30 lungo via F.lli Rosselli, via Don Minzoni, Piazza dei Martiri, Via dei Mille, Via dell’Indipendenza.
Approderà infine al palco allestito in piazza Nettuno, dal quale si alterneranno interventi e musica. Info sul sito del BolognaPride2014.

Tra gli obiettivi Uaar approvati dall’ultimo Congresso ricordiamo:

  • Estensione dell’istituto del matrimonio alle coppie omosessuali.
  • Riconoscimento dei diritti delle coppie di fatto, sia etero che omosessuali.
  • Legge contro l’omofobia e rimozione di ogni discriminazione basata sull’orientamento sessuale.

manifestazioni , , ,

Imola, risposta Uaar all’omelia omofoba

2 gennaio 2014

Il Resto del Carlino riportava che nell’omelia di domenica scorsa, proprio in occasione della festa cattolica della famiglia, il parroco della chiesa del Piratello avrebbe attaccato pesantemente gli omosessuali. Gli stessi fedeli si sarebbero indignati, raccontando che il parroco avrebbe apostofato i gay quali «‘questi’, ‘tenebrosi’ o cattiverie simili, ricordando anche il Vecchio Testamento che puniva gli uomini che andavano con altri uomini con la lapidazione».

Sul Carlino di oggi viene dato spazio alla risposta dell’Uaar, a cura del delegato imolese Roberto Vuilleumier, che osservando come sarebbe stato opportuno citare «i periodi in cui il cristianesimo i sodomiti li bruciava vivi», rivendica quanto «una legge anti-omofobia servirebbe a questo Paese».
Il testo dell’articolo è consultabile sul sito del Carlino.

Di seguito riportiamo il testo dell’intera lettera indirizzata al giornale dall’Uaar di Imola.

Grazie al fenomeno della secolarizzazione, quindi grazie all’istruzione e quindi alla diminuzione della diffusa ignoranza che allontana finalmente l’uomo dal comportamento sacrale ed al dogmatismo senza senso, il potere politico della Chiesa pur se lentamente, diminuisce inesorabilmente.

Fuori tempo più che fuori luogo sono quindi le dichiarazioni del “parroco ignorante del Piratello” che avrebbe fatto quasi meglio, visti i 30 anni ormai passati dalla presa di posizione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (non l’Onu!) che ha tolto l’omosessualità dall’elenco dei disturbi comportamentali, a citare semmai i periodi in cui il cristianesimo i sodomiti li bruciava vivi. Come il razzismo, l’omofobia si può manifestare con atteggiamenti negativi, insultanti e discriminatori che possono arrivare o incitare alla violenza.

Il nostro paese al riguardo è rimasto indietro non per dimenticanza, ma proprio per via della forza politica della Chiesa e pur introducendo con la legge Mancino misure urgenti in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa, si è “dimenticata”, per così dire, delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale.

Una legge anti omofobia servirebbe a questo paese, per “curare” invece i gravi comportamenti discriminatori anche degli esponenti della Chiesa, che non si limitano a raccontare “storie” fantastiche ma che tentano di farle passare per vere ad ogni costo, “pur calpestando la dignità umana”.

La vera vergogna, al di là delle fantasie di questi “parroci”, sta nell’insegnamento all’omofobia ai bambini, che avviene durante l’ora di religione e durante il catechismo anche da loro preposti  «appoggiandosi sulla Sacra Scrittura, che presenta le relazioni omosessuali come gravi depravazioni, poiché la Tradizione ha sempre dichiarato che “gli atti di omosessualità sono intrinsecamente disordinati”», e sono dunque contrari «alla legge naturale» (benché l’omosessualità sia riscontrabile in natura anche in centinaia di specie animali diverse).
Mentre come al solito chissà perché la politica latita.

Roberto Vuilleumier
Delegato Uaar per Imola e Castel San Pietro

comunicati, giornali ,

L’UAAR aderisce al #Russia4Love, contro l’omofobia in Russia

1 settembre 2013

L’ UAAR aderisce alla manifestazione organizzata dai giovani del Cassero per farsi sentire contro l’omofobia russa di Putin.

Martedì 3 settembre saremo in Piazza Maggiore alle ore 18 per dire:

Ora BASTA! 1236350_652609561429904_2117677382_n

FACCIAMO SENTIRE LA NOSTRA VOCE!

(Hai una maglia/t-shirt ROSSA? Bene. Indossala!)

Nel giugno di quest’anno, la Russia ha introdotto una legislazione che vieta in modo efficace ogni discussione positiva, dibattito o rappresentazione delle persone LGBT e delle loro relazioni. L’obiettivo principale della manifestazione sarà quello di mostrare il nostro appoggio a tutte le persone LGBT russe vittime di questi abusi, a tutti coloro che in Russia non possono vivere liberamente la propria vita. Vogliamo anche fare pressione sul Presidente del Consiglio Enrico Letta affinché, nel G20 che sarà ospitato a San Pietroburgo dal Presidente Putin, sollevi la questione della repressione anti-gay della Russia.

Aderiamo alla campagna globale promossa da All Out (https://www.allout.org/en/russiaevents) e ci uniremo al coro di voci delle proteste delle altre città quali Londra, New York, Seattle, Rio de Janeiro, Montevideo, Ottawa e Parigi, sotto il motto: #Russia4Love.

Altre informazioni: https://www.facebook.com/events/294765487329224/

manifestazioni ,

Tutt* al Bologna Pride 2013

28 giugno 2013

Il circolo Uaar di Bologna aderisce al Bologna Pride e all’Onda Pride 2013, per sostenere «chiare e forti richieste di parità, dignità, laicità e libertà» (vedi piattaforma rivendicativa dei Pride italiani 2013).

La manifestazione bolognese partirà dal Parco del Cavaticcio domani, sabato 29 giugno, con arrivo in Piazza del Nettuno (vedi programma).

Raggiungeteci per manifestare sotto i colori della nostra associazione!
Appuntamento alle ore 15:30 al Parco del Cavaticcio, nel punto in cui vedrete sventolare le bandiere giallo-nere dell’Uaar.

manifestazioni , , ,

Forza Nuova attacca i gay e si appella alle autorità ecclesiastiche

29 ottobre 2012
Comments Off

Il 29 ottobre di sei anni fa il circolo Uaar di Bologna trovava finalmente una sede. Al Cassero, che da allora ci ospita e che ringraziamo, va oggi la nostra solidarietà per il vile striscione affisso tre notti fa all’esterno della loro struttura, recante la scritta “le perversioni vanno curate” e firmato da Forza Nuova.

Il gesto da balordi e “da ladri di galline”, come lo descrive lo stesso Cassero, è stato condannato da tutte le forze politiche bolognesi. Si è distinta in peggio la devota consigliera regionale Udc Silvia Noé, che ha tenuto a precisare che anche “il mondo Lgbt si è reso protagonista di attacchi che non aiutano un sano confronto”.

Il ruolo della Chiesa in questa e in altre manifestazioni di omofobia è sottaciuto dai mezzi di informazione e dalla politica.
La posizione di Silvia Noé ricorda quella ancora peggiore del vescovo ausiliare di Bologna Ernesto Vecchi, quando nel 2006 commentò il pestaggio di due giovani gay avvenuto vicino al Cassero con le parole “la trasgressione è cugina della violenza”.
D’altra parte Forza Nuova sostiene nel proprio programma la “difesa della identità cattolica, vera anima viva della nostra cultura, trincea di difesa contro tutte le tendenze disgregatrici dello spirito”. Non solo: Forza Nuova, rivendicando l’affissione dello striscione al Cassero sulla propria pagina facebook, conclude con un invito specifico alle autorità ecclesiastiche, affinché trovino “risposte interessanti” su presunte trame ordite dai sostenitori di Gender Bender, manifestazione organizzata dal Cassero che “offende il sentimento religioso e rappresenta una vera e propria provocazione al mondo cattolico”.

Forza Nuova ha ragioni per fare questo invito diretto alla Chiesa? Una risposta si può trovare nel Catechismo, nel quale si legge che secondo la Sacra Scrittura le relazioni omosessuali sono “gravi depravazioni”, che secondo la Tradizione sono”intrinsecamente disordinate” e che dunque sono “contrarie alla legge naturale” e “in nessun caso possono essere approvate”.
Difficile non trovare in questi insegnamenti negativi una ispirazione morale per azioni come quella di Forza Nuova.

La realtà è che l’Italia si sta sempre più isolando a livello internazionale sui temi del rispetto dei diritti delle persone Lgbt. E si andrà certamente poco avanti con una classe politica che da un lato stigmatizza le affermazioni omofobiche di Forza Nuova e dall’altro tace su quelle ufficiali della Chiesa, da cui Forza Nuova prende ispirazione. Sembraquasi che si consideri più grave l’affissione di uno striscione e non la violenza del messaggio che esso riporta, messaggio del tutto analogo a quello trasmesso dai passi del Catechismo poc’anzi riportati.
La necessità di interventi legislativi contro l’omofobia è sempre più evidente, e lo è altrettanto il ricambio di una classe dirigente che su questo ed altri fronti laici non agisce per non disturbare i privilegi della Chiesa.

comunicati, notizie

Elezioni comunali 2011: 5 domande ai candidati consiglieri

6 maggio 2011

In vista delle elezioni comunali 2011 chiediamo ai candidati al consiglio comunale di rispondere alle 5 domande di laicità concreta pubblicate qui sotto. E’ possibile rispondere inserendo un commento o scrivendo un email a bologna@uaar.it (aggiungeremo noi le risposte fra i commenti).
Le prime tre riprendono le domande che la Rete Laica Bologna ha già posto ai candidati sindaco.
Le risposte pervenute saranno diffuse a soci e simpatizzanti sui propri canali informativi.

NB: accettiamo volentieri risposte molto sintetiche, chiediamo a tutti di limitarsi a poche righe per risposta.

1. La scuola della Repubblica

Ogni anno il Comune finanzia con piu’ di un milione di euro scuole d’infanzia private paritarie, quasi tutte cattoliche.
Ogni anno circa 200 bambini restano esclusi dalle graduatorie comunali e sono costretti a subire scelte educative confessionali, in contrasto col significato attribuito dalla Costituzione alla scuola di tutti. Non ritiene più utile impiegare questi fondi (un milione e 55.000 euro nel 2010) per coprire i 200 posti mancanti nella scuola paritaria comunale e per migliorare la qualità della stessa?
E’ a conoscenza e sostiene l’iniziativa referendaria su questo argomento promossa dal Comitato Articolo 33?

2. Morire con dignità

Il 25 gennaio 2010 il Consiglio comunale ha approvato la delibera istitutiva il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento, altrimenti dette testamenti biologici. Per renderlo operativo manca solo il regolamento attuativo. Se eletto si impegnera’ per attivarlo? Sempre in tema di fine-vita, Le chiediamo: in città esiste una sola laica “sala del commiato”, presso il cimitero della Certosa; s’impegnera’ a dotare Bologna di più spazi per celebrare i funerali civili?

3. Procreazione e sessualità: libere e liberi di scegliere

Di frequente ricorre il tema dell’apertura dei consultori alle associazioni di volontariato, tra cui tante cattoliche programmaticamente contrarie all’aborto. Sarebbe questa, a nostro giudizio, una perdita di laicità delle Istituzioni. D’altra parte, le donne che desiderano portare avanti una gravidanza sono costrette a misurarsi con una carenza di servizi e di aiuti pubblici. Cosa pensa dell’apertura dei consultori alle associazioni di volontariato? Quali iniziative dovrebbe intraprendere il Comune per favorire un’autentica possibilità di scelta?
Sempre in tema di diritti: è favorevole a una campagna informativa contro l’omofobia, la lesbofobia e la transfobia, come quella promossa dal sindaco di Berlino, Klaus Wowereit?

4. Finanziamenti all’edilizia di culto

Il Comune di Bologna finanzia l’edilizia di culto erogando alle Chiese il 7% degli oneri di urbanizzazione secondaria, circa 6 milioni di euro negli ultimi 10 nni. Questo esborso non è obbligatorio per il Comune, che potrebbe destinare i fondi ad altri scopi.
Non sarebbe preferibile devolvere questa somma per opere pubbliche quali asili, scuole, verde o manutenzione stradale?

5. Matrimoni civili

Da anni a Bologna i matrimoni civili sono circa il 66% dei matrimoni totali, più del doppio dei matrimoni religiosi. Ciononostante, solo la Sala Rossa di Palazzo d’Accursio è disponibile, costringendo gli sposi a lunghe attese.
Il Comune non dovrebbe mettere a disposizione altre Sale e ampliare gli orari di fruizione?
Si impegna a pubblicizzare maggiormente la possibilità di farsi sposare da una persona cara?

comunicati , , , , , , ,