Archivio

Archivio per la categoria ‘comunicati’

Caso “Venerdì credici” da archiviare, ma ai clericali non va giù

11 marzo 2017

Ci sono travi negli occhi dei politici clericali e della Curia.
Per la procura, a cui va la nostra solidarietà e il nostro apprezzamento, la serata “Venerdì Credici” che si tenne due anni fa presso il Cassero LGBT center e le relative foto pubblicate su facebook  presentavano semplicemente aspetti umoristici e satirici. Libertà di espressione, caso da archiviare. Ma la Curia, in violazione del Concordato che in cambio di miliardi di euro impone alla Chiesa solamente la non ingerenza, non ci sta e attacca i pm, ipotizzando che si sarebbero comportati diversamente se l’oggetto della satira fossero stati giudici o imam. Contrariati anche i querelanti, Castaldini (Ncd) e Lisei (Fi), consiglieri comunali che si erano rivolti alla magistratura per punire la presunta blasfemia.

Eppure i veri messaggi di odio sono altrove: per i politici clericali e per l’arcivescovo sarebbe opportuno guardare in casa propria. Ai bambini il Catechismo dice infatti che l’omosessualità è “grave depravazione”, “disordine” che “in nessun caso può essere approvato”. Per non parlare dello sconfinato elenco di maldicenze e insulti su base religiosa ai danni di atei e agnostici (si veda la raccolta Dicono di noi, che arriva fino ai giorni nostri).
A ben vedere, non è certo un po’ di satira rivolta a maggiorenni in un locale al chiuso che mina la pacifica convivenza fondata sul rispetto reciproco.

comunicati

Circolo Uaar Bologna cerca sede!

11 dicembre 2016

Il Cassero, a cui va la nostra riconoscenza, ospita da anni la sede del Circolo Uaar di Bologna, aperta ogni sabato mattina dalle 10 alle 12. Per il 2017, però, vorremmo avere una sede tutta nostra, o a disposizione per diversi giorni la settimana. Per questo rivolgiamo il seguente appello ai nostri lettori, per diffonderlo e per ricevere segnalazioni.

Circolo Uaar Bologna cerca sede!
Locale di circa 20 mt, con vetrina.
Entro i viali di Bologna o nelle immediate vicinanze.
Disponibilità anche a condividere con altre associazioni / sublocazione.
Canone contenuto!
Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti – Circolo di Bologna
bologna-ricerche@uaar.it - 331 133 1237

Sede vetrina, Circolo Uaar di Ragusa

Sede vetrina, Circolo Uaar di Ragusa

comunicati, sede

Open Day Uaar @ Cassero | sabato 10 dic

1 dicembre 2016

Sabato 10 dicembre 2016, dalle 10 alle 15:

OPEN DAY del Circolo Uaar di Bologna al Cassero LGBT center!

Passaci a trovare!
Attorno al buffet offerto dai nostri attivisti per festeggiare i 30 anni dell’associazione, ti illustreremo le nostre iniziative, potrai avere supporto per casi di laicità violata, avanzare proposte, offrire disponibilità.
Come originali e intelligenti regali di Natale :) potrai acquistare libri Nessun Dogma, spillette Uaar, tazze VivoBeneSenzaD o una delle ultime magliette 2016!
Al Punto iscrizioni Uaar potrai aderire all’associazione per il 2017.
Saranno attivi i servizi dello sportello SosLaicità: dallo Sbattezzo Point all’assistenza per genitori che vogliono esercitare il diritto di non far subire ai propri figli l’insegnamento della religione cattolica o atti di culto a scuola.

Invita e condividi: evento facebook

Open Day 10 dic 2016

comunicati, presentazioni, sede , , , ,

Bologna al ballottaggio: risposte dei candidati ancora in corsa

14 giugno 2016

Il ballottaggio per la carica di sindaco di Bologna si terrà domenica 19 giugno 2016. Due le possibili formazioni del consiglio comunale, a seconda del vincitore tra Merola e Borgonzoni. Per conoscere l’opinione sui temi laici dei prossimi 36 consiglieri comunali e del prossimo sindaco, pubblicheremo di seguito le loro risposte alle quattro domande laiche. Le risposte dovranno pervenire all’indirizzo bologna@uaar.it entro le ore 20 di venerdì 17 giugno.

Risposte arrivate dopo il termine:


Prosegui la lettura…

comunicati, enti locali , ,

Elezioni comunali 2016: risposte dei candidati alle quattro domande laiche

12 maggio 2016

Inizia la pubblicazione delle risposte alle quattro domande laiche ai candidati alle amministrative 2016 per il Comune di Bologna.

Saranno inserite in questa pagina nell’ordine in cui giungeranno all’indirizzo bologna@uaar.it, affiché domenica 5 giugno gli elettori possano scegliere in maniera più consapevole.

Risposte arrivate dopo venerdì 3 giugno:


Prosegui la lettura…

comunicati, enti locali , ,

Vince la scuola laica. Il Tar dice no alle benedizioni a scuola

11 febbraio 2016

Il TAR Emilia Romagna, con sentenza 166/2016, ha dato ragione ai sostenitori della laicità della scuola, rilevando che «non v’è spazio per riti religiosi» come le benedizioni e ricordando che, anche in orario extrascolastico, si possono ospitare solo “attività che realizzino la funzione della scuola come centro di promozione culturale, sociale e civile”. Prosegui la lettura…

comunicati, scuola ,

Open Day Uaar @ Cassero LGBT Center | sabato 19 dic

13 dicembre 2015

Sabato 19 dicembre, dalle 10 alle 17, passaci a trovare nella nostra sede al Cassero LGBT center!
Ti illustreremo le nostre iniziative, potrai trovare supporto per casi di laicità violata, avanzare proposte, offrire disponibilità. In particolare il Circolo Uaar di Bologna offrirà un servizio di assistenza per genitori che vogliono valide alternative all’insegnamento della religione cattolica e uno Sbattezzo Point per chi vuole esercitare il diritto di non appartenere a una confessione religiosa che non lo rappresenta. E naturalmente potrai approfittare dell’occasione per iscriverti o rinnovare l’iscrizione all’Uaar per il 2016.

Anche come originali e intelligenti regali di Natale :) , saranno a tua disposizione i libri della casa editrice Uaar Nessun Dogma, spillette e le ultime magliette 2015. Tra gli ultimissimi libri pubblicati, segnaliamo Crescere figli senza dogmi - La guida di una mamma agnostica di Deborah Mitchell e, per ragazzi e ragazze, Dio probabilmente non esiste di Patrik Lindenfors.

E dalle ore 12:30, buffet offerto dagli attivisti del Circolo Uaar di Bologna!

Invita e condividi: evento Facebook

Open Day Uaar - Bologna 19 dic 2015

comunicati, presentazioni, sede , , , ,

Ici,Imu e scuole private paritarie: le risposte dai sindaci

8 dicembre 2015

Si avvicina la scadenza per il pagamento di Imu e Tasi, prevista per il prossimo 16 dicembre. Un dovere che grava su chi, persona fisica o giuridica. possiede o detiene fabbricati nei comuni italiani. Dovere che le scuole private paritarie, in maggioranza di orientamento religioso, ritenevano di potere scansare. Nel luglio scorso sono invece intervenute due sentenze della Corte di Cassazione, che hanno dato torto a istituti religiosi livornesi che, ritenendo di esserne esonerati, dal 2004 non avevano mai versato l’Ici.

Quattro mesi fa il circolo Uaar di Bologna, nell’ambito di una campagna nazionale Uaar, scrisse ai sindaci dei comuni della città metropolitana bolognese. chiedendo di verificare la posizione tributaria degli istituti scolastici privati paritari presenti nel loro territorio, al fine di escludere casi di omessa dichiara­zione e omesso pagamento dell’Ici, per gli anni dal 2004 al 2011 e dell’Imu/Tasi, dove prevista, per gli anni successivi.

Esaminiamo le tre risposte pervenute, su un totale di 35 comuni interpellati. Prosegui la lettura…

comunicati, enti locali, scuola

Inaugurazione sede Uaar @ IMOLA | 6 NOV

28 ottobre 2015

L’Uaar, Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti, è attiva da due anni anche a Imola, con una delegazione del circolo di Bologna che ha portato avanti diverse battaglie laiche.

Questo periodo di rodaggio è servito oltre che per informare la cittadinanza su alcuni diritti civili, anche per comprendere quanto a Imola, nonostante una forte presenza laica organizzata, la politica e l’amministrazione pubblica sia ancora dominata da un diffuso clericalismo.

Chi conosce bene la realtà locale e ha letto sulla stampa le nostre rivendicazioni sa che a Imola perseguire gli obbiettivi sociali dell’UAAR (*) sia un’impresa ardua, che richiede l’impegno anche da parte di quei tanti credenti che non accettano l’invadenza della chiesa nelle scelte individuali.

Anche per questo il circolo Uaar di Bologna ha accettato la proposta dell’associazione Aics sport Imola Asd di condividere uno spazio per aprire una sede dell’UAAR anche a Imola.

Banchetto Uaar a ImolaIl 6 di Novembre, in Via Galeati 6, alle ore 18:30 verrà inaugurata con un “rinfrescateo” la sede dell’Uaar della delegazione Imolese. Nella stessa serata verrà presentato ed attivato lo Sbattezzo point, servizio promosso dall’UAAR che aiuta tutti coloro che vogliono esercitare il diritto di uscire da una confessione religiosa che non li rappresenta.

Oltre alla possibilità di visionare il materiale informativo dell’associazione, ad esempio sul diritto all’ora alternativa, informeremo sulla necessità di abolire il Concordato e mettere fine ad ogni contributo pubblico alle religioni, tra i quali l’elargizione di risorse pubbliche a favore delle scuole paritarie private confessionali, a favore degli assistenti religiosi negli ospedali, a favore dell’edilizia di culto attraverso il meccanismo degli oneri di urbanizzazione secondaria. Spiegheremo perché è indispensabile che finiscano le ingerenze delle Curie nelle scuole dell’infanzia, perché sia doveroso garantire l’ora alternativa in attesa dell’abolizione dell’ora di religione cattolica e dell’importanza di una legge sull’eutanasia.

Sarà possibile anche firmare la petizione che richiede al sindaco di Imola di procedere immediatamente alla trascrizione dei matrimoni contratti all’estero da parte di coppie omosessuali, in cui almeno un componente risieda nel territorio comunale.

Vi attendiamo
[evento facebook] [mappa][streetview]
Il delegato di Imola e Castel s. Pietro
Roberto Vuilleumier  - imola@uaar.it

(*) Art. 3 dello Statuto Uaar - Scopi

1.      L’UAAR si propone i seguenti scopi generali:

a. tutelare i diritti civili degli atei e degli agnostici, a livello nazionale e locale, opponendosi a ogni tipo di discriminazione, giuridica e di fatto, nei loro confronti, attraverso iniziative legali e campagne di sensibilizzazione;

b. contribuire all’affermazione concreta del supremo principio costituzionale della laicità dello Stato, delle scuole pubbliche e delle istituzioni, e ottenere il riconoscimento della piena uguaglianza di fronte alla legge di tutti i cittadini indipendentemente dalle loro convinzioni filosofiche e religiose. In particolare, pretendere l’abolizione di ogni privilegio accordato, di diritto o di fatto, a qualsiasi religione, in virtù dell’uguaglianza di fronte alla legge di religioni e associazioni filosofiche non confessionali;

c. affermare, nel quadro di una concezione laica, razionale e areligiosa dell’esistenza, il diritto dei soggetti a compiere in autonomia le scelte relative alla sessualità e alla riproduzione, comprese quelle sulla interruzione volontaria della gravidanza; a stringere unioni familiari legalmente riconosciute, senza distinzioni di sesso, e a recedere dalle stesse; a determinarsi liberamente sulla propria fine vita; sostenere la libertà della ricerca scientifica, filosofica ed artistica; operare perché tali diritti e libertà trovino piena sanzione ed effettiva garanzia;

d. promuovere la valorizzazione sociale e culturale delle concezioni del mondo razionali e non religiose, con particolare riguardo alle filosofie atee e agnostiche.

comunicati, sede

Ricerca su attività alternative alla religione cattolica nelle scuole bolognesi

23 settembre 2015

Quanti genitori chiedono per i loro figli attività scolastica alternativa all’insegnamento della religione cattolica (IRC)? Le scuole informano, distribuiscono la modulistica, organizzano le attività alternative?  E di che tipo? Genitori e studenti che non scelgono l’insegnamento religioso a scuola sono messi in grado di esercitare il diritto all’istruzione e la libertà di coscienza?

ricercaoa2015_uaarboA queste domande ha cercato di dare risposta la ricerca Ora alternativa negli Istituti Comprensivi bolognesi promossa dal circolo Uaar di Bologna e svolta sul campo nel primo semestre del 2015 da Simone Vincenzini, studente di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università di Bologna, che all’interno del proprio tirocinio curricolare ha intervistato i dirigenti degli istituti comprensivi (IC) statali del comune di Bologna. O meglio, solo gli 8 su 19 che hanno accettato di collaborare, che corrispondono a 8 IC su 21 (due dei presidi che non hanno risposto hanno una doppia dirigenza). Un primo risultato della ricerca è quindi la scarsa propensione a comunicare informazioni che dovrebbero essere pubbliche e prontamente aggiornate dalle scuole, mentre invece sono diffuse in esclusiva dalla CEI, che sceglie tempi e modi per farlo.
Passiamo ora gli altri risultati della ricerca.
Prosegui la lettura…

comunicati, scuola , ,